!-- Codice per accettazione cookie - Inizio -->

domenica 15 dicembre 2013

Unplugged in Cobain

Kurt Cobain durante la performance Unplugged in New York
Vent'anni fa i Nirvana registrarono il concerto MTV Unplugged in New York. Kurt Cobain (1967-1994) si congeda con la poesia della sua tormentata anima musicale.

di Luca Ferrari, luca.goestowest@gmail.com
giornalista/fotoreporter – web writer

Vent’anni sono tanti da ricordare. Quelle musiche. Quel concerto. Quella fine. Tutto questo non è mai stato dimenticato. I Nirvana di Kurt Cobain, Krist Novoselic e Dave Grohl suonano un delicato concerto acustico. Insieme a loro cìè anche la seconda chitarra dell'ex-Germs, Pat Smear.

...Durante svariate notti pensavo che anche certe ore non avessero bisogno di nessuno/… una sola intenzione provvedeva alla sponda alquanto simile… la strada era pronta per bruciare tutte le fotografie d’ogni armeria...

14 le tracks dell’MTV Unplugged in New York dei Nirvana. Canzoni da tutti gli album della rock band: About a Girl (Bleach,1989). Come as You Are, Polly, On a Plain e Something in the Way (Nevermind, 1991). Pennyroyal Tea, Dumb e All Apologies (In Utero, 1993). Insieme a loro alcune cover: Jesus Don't Want Me for a Sunbeam (The Vasolines), The Man Who Sold the World (David Bowie), tre cover dei punk Meat Puppets (Plateau, Oh Me, Lake of Fire) e infine Where Did You Sleep Last Night? del bluesman Leadbelly.

“Se tutto è così insignificante e programmato, allora l’onda della follia meriterebbe più rispetto/...  Perché è così facile voler bene a qualcuno?... a volte credo d’aver capito, a volte mi sento solo il sopravvissuto di un’era che deve ancora arrivare” gennaio/febbraio1995

Fin dalla prima trasmissione, fece molto scalpore vedere come una band rock molto legata alle distorsioni dei newyorkesi Sonic Youth e con una forte carica rabbiosa nella voce del cantante, avesse trovato una delicata dimensione acustica di elevatissima qualità.

Kurt Cobain è lì. Rilassato. O forse rassegnato. Appena pochi mesi dopo si sarebbe suicidato nella sua casa poco fuori Seattle.

“non voglio guardare dove sono arrivato
perché le bruciature delle mie dita
sono ancora troppo importanti

non sono ancora certo
della forma delle stelle
e questo è tutto… hai voglia di comunicarmi
qualcosa che non so?
Avresti voglia di attualizzare
la mia ignara lista di desideri?

le tante parole scritte sulle strade non hanno mai avuto una fine

potrei indossare un copricapo
oppure ricominciare
senza di me… oppure ingigantire chissà quale immagine
contraffatta … i rastrelli
sulla sabbia non dovrebbero
essere costantemente rivolti
verso il mare, e questo
nessuno ce lo ha mai voluto dire

sono abbastanza certo
di sapere cosa ho voluto, ma non è mai stato
abbastanza

e anche se continuerò a sentermi indifeso
e poco idoneo a capire come mi comporterò
non potrei mai vendere la prossima frase,
                                                               (15 dicembre 2013)                

Oh Me (1993, Unplugged in New York) - Nirvana feat. Meat Puppets


i Nirvana live in New York unplugged

sabato 7 dicembre 2013

Liberi di cantare per i Diritti Umani

Martedì 10 dicembre, in occasione del 65° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, si terrà al Biko di Milano il concerto Liberi di cantare organizzato da Amnesty International Italia.

di Luca Ferrari, luca.goestowest@gmail.com
giornalista/fotoreporter – web writer
A partire dalle h. 22 si alterneranno artisti impegnati nella difesa dei diritti umani come Jamal Ali, cantante dell'Azerbaigian, arrestato e torturato per aver contestato la famiglia del presidente e aver denunciato la corruzione e la mancanza di libertà nel suo paese.
Spazio anche Zanko El arabe blanco, il rapper italo-siriano impegnato contro la discriminazione. Insieme a loro saranno on stage Il Genio, Mondo Marcio e il collettivo Barrio Nacional.

Media partner della serata, Radio Popolare. Il concerto fa parte di Write for Rights, la maratona di raccolta firme in favore di vittime di violazioni dei diritti umani che vede coinvolti ogni anno centinaia di migliaia di attivisti di Amnesty International nel mondo. L'edizione di quest'anno si occuperà di Tunisia, Etiopia, Bielorussia, Cambogia e Messico.

Per ulteriori informazioni:
Ingresso libero.

Ripescando le immortali parole della canzone Tears Are Not Enoght delle Canadian Stars (Neil Young, Joni Mitchell, Bryan Adams e ancora altri.) "We can bridge the distance/ Only we can make the difference/ Don't ya know that tears are not enougt - If we can pull together/ We could change the world forever/ Heaven knows that tears are not enough

Le lacrime non bastano, bisogna agire e cambiare il mondo per sempre.

Tears are not enought, by The Canadian Stars

Cerca nel blog

Post più popolari