!-- Codice per accettazione cookie - Inizio -->

martedì 22 maggio 2018

Ricky Shane, uno dei... Reds!

Ricky Sahane, dai Mods ai... Reds!
Dalla Londra beat anni '60 alla finale Champions 2017-18 tra Liverpool e Real Madrid. Rivisitazione musicale in chiave calcistica della generazionale Uno dei Mods, di Ricky Shane.

di Luca Ferrari

Uno dei Mods, di Ricky Shane. Una canzone incastonata nella mia memoria e ascoltata per la prima (unica) volta durante la II edizione della rassegna canora Una rotonda sul mare. Era l'estate 1990 e con alle spalle solo un po' di cultura Beatlesiana di eredità fraterna, assistei all'esibizione dal vivo dell'artista franco-libanese Ricky Shane che cantò e suonò la generazionale Uno dei Mods. La sua performance fu notevole ma il pubblico gli preferì il collega scozzese Donovan. Quelle canzone però, e la città dello scontro tra bande citata nel testo, Liverpool, mi rimasero dentro.

Oggi quelle parole, 28 anni dopo, sono tornate impetuose nella mia mente e non per caso. Tra qualche giorno infatti, a Kiev, si disputerà la finale di Champions League 2017-18 tra i bi-campioni uscenti del Real Madrid e appunto il Liverpool, squadra di cui sono da anni sostenitore e posseggo (orgoglioso) la maglia originale dell'ex-capitano Steven Gerrard, acquistata nello store ufficiale di Chester, poco distante da Liverpool. In questo contesto Uno dei Mods di Ricky Shane si è d'improvviso fatta largo tra le note rock a me più affini dei vari Mudhoney, AC/DC, Neil Young, etc.

Sabato 26 maggio è il giorno dell'attesa finale e in barba alla scaramanzia, sentimento questo che non alberga per nulla nel sottoscritto, io sono certo che il Liverpool solleverà la coppa dalle grandi orecchie. E per celebrare il tutto, oltre a una ricca porzione di fish & chips con succulento contorno dei mitici fagioli Hein Beanz che mi strafogherò davanti al teleschermo, nel frattempo ho dato libero e istintivo sfogo alla creatività, rivisitando in chiave calcistica pro-Reds la canzone di Ricky Shane. E allora mentre ascoltate Uno dei Mods, leggetevi il nuovo testo... e forza Liverpool!

Uno dei Reds

Dopo undic'anni ho trovato l'amico Klopp
con la sua squadra in finale e la scritta su
"Giorno per giorno io vivo, alleno i Reds"
era firmato da Klopp, uno dei Reds

Io non potevo capire e domandai
dimmi che cosa vuol dire "Uno dei Reds"
lui mi rispose, corri ad Anfield, guarda e vedrai
non camminar più da solo, e tiferai

Insieme a noi (coro)

A Liverpool c'è la casa dei Reds
il loro capo era l'amico Klopp
erano mille e sono sempre di più
sono i più forti, i fantastici Reds

Yeeeee ye ye ye ye ye! .. Yeeeee, ye ye ye ye ye!

Modric, Ronaldo eran contro di noi
vidi qualcuno ammonito da noi
poi vidi Salah lanciato in gol
colpì la traversa e la palla entrò

Yeeeee ye ye ye ye ye! .. Yeeeee, ye ye ye ye ye!

Era finita la finale ed esultai
vidi il Liverpool trionfare e constatai:
vidi gioire sempre di più l'amico Klopp
ora mi disse anche tu, tu sei dei Reds

Uno dei Reds!

i Blancos letali son contro di noi
para, riparti ed ora il knock-out
ecco Firmino lanciato in gol
un tiro a girare e la coppa alzò

Yeeeee ye ye ye ye ye! .. Yeeeee, ye ye ye ye ye!


Uno dei Mods, by Ricky Shane

sabato 12 maggio 2018

Il verso eterno dei Temple of the Dog

Una dedica, una canzone, una poesia... © Luca Ferrari
Non ho mai fatto analisi. Questa è arte umana allo stato grezzo e non clonabile. Ho guardato il cielo da basso ripensando a quanto ancora significhi per noi Hunger Strike dei Temple of the Dog.

di Luca Ferrari

A sud delle nuvole, al centro del proprio sé. Emozioni dirette di abbandono e scatta la risposta. Non sarei onesto se dicessi che ci sono sempre stato. Fumare una sigaretta non è mai stato un gesto né un atteggiamento. Non potrò mai dimenticare quella sempre paziente luna piena e chissà quante imperdonabili emozioni lasciate morire senza un degno presente. Oggi è diverso. Oggi sono sceso in strada. Non ho potuto far apparire il buio né l'oceano. Forse ho trascurato un diverbio ed è stata la mia nuova fortuna. Oggi ho la convinzione che tutte queste parole siano solo...

SCORRIBANDE DI SOLA ANDATA
  
strade in accumulo di soli invisibili… se
i cancelli arrugginiti e laterali
attirano le mie risposte più del tuo
medaglione, forse è ora che riprenda
il nostro cammino… ma
perché poi tutta questa oscurità
dovrebbe nascondere 
solo il mio nome?... e perché
poi questa sospensione di felicità
dovrebbe per forza riguardare 
il mio domani?

Corde, salvagenti e rincorse…
Fiabe, proboscidi e un totale disprezzo
per il cortile del vicinato… volevate
che fossi sincero
e allora perché non siete sulla sabbia
a cercare le mie meteore
infarcite di fulmini intercostali
e dediche senza destino?

Sotto le tegole
è più facile sentirsi in sintonia
con la propria incomprensibile
emotività… senza tegole
è più doloroso lasciar scorrere
tutto ciò che ci appartiene
ma perché me lo stai ancora chiedendo,
perché? Quella sarebbe
stata l’inizio di una storia,
questo è un momento
che spero presto di raccontare

Le troppe fiere da salotto
hanno ciascuna un pezzo dei nostri
segreti… ogni invadente rassegnazione
chiede il mosaico frammentato
di ciò che non saremo più in grado
di sopportare… allora, tu
vuoi andare avanti così? Non
dovresti proprio, e allora
lascia davvero gli ormeggi… anche le zattere
un giorno
troveranno il coraggio di frantumarsi
in un solo verso…

(Venezia, 12 maggio ’18)

Hunger Strike, by Temple of the Dog

lunedì 30 aprile 2018

Il sangue disilluso di Civil War

La disperazione della guerra civile in Siria © Odyssey
Oggi è il turno della Siria ma le guerre civili continuano indisturbate ieri, oggi e domani. Ispirato dalle parole e musica dei Guns 'n" Roses in Civil War,  il sangue ribolle ancora.

di Luca Ferrari

Stride e langue la chitarra solista di Slash. Vomitano malinconia e rivoluzione (pacifista) le parole di Axl. Sono passati 27 anni da quell’indimenticabile performance a Rio de Janeiro, in Brasile, dei Guns 'n' Roses. Ancora conservo quel cd bootleg la cui ultima canzone era Civil War, dall’ultimo album Use Your Illusion II. L’estate era alle porte e il mio quarto anno di scuole superiori agli sgoccioli. Quella canzone, quella performance e quelle parole insistevano dentro di me. Ripetitive e profetiche. Mortali e arrabbiate.

Dovrei elencare le guerre civili che sono scoppiate da allora a oggi? Non è il mio mestiere e cosa aggiungerei al sangue già versato? Oggi è il turno della Siria. Oggi è il turno di manifestare per la popolazione della Siria ma a che scopo? Sentirsi a posto con la propria coscienza dinnanzi all’ennesimo menefreghismo umano? Ci teniamo per mano perché così sia più accettabile il nostro essere felici dopo che avremo ammainato l'ennesima e bella bandiera di protesta?

Look at the hate we’re breeding/ Look at the fear we’re feeding … Guardate l’odio che stiamo allevando/Guardate la paura che stiamo alimentando” tramanda Civil War. Mi guardo intorno e vedo esattamente ciò che stavano sentendo i Guns ‘n’ Roses allora e la cosa non mi fa stare per niente meglio. E tutto questo mi conferma quanto poco abbiamo fatto se ancora in pochissimi possono decidere per milioni di persone.

My hands are tied/ The billions shift from side to side/ And the wars go on/ with brainwashed pride … Le mie mani sono legate/ I miliardi si spostano da una parte all’altra/ E le guerre vanno avanti/ con l’orgoglio dei lavaggi del cervello” prosegue Civil War, e poi ancora, “Look in the doubt we’ve wallowed/ Look at the leaders we’ve followed/ Look at the lies we’ve swallowed/ And I don’t want to hear no more … Guardate i dubbi in cui nuotiamo/ Guardate i capi che seguiamo/Guardate le menzogne  che abbiamo ingoiato/ Ed  non voglio più sentirne”.

E le guerre così proseguono, dentro e fuori di noi. Ed è facile rimanere inorriditi dinnanzi a tutto ciò che è lontano, salvo poi continuare a guerreggiare nei nostri quartieri, nelle nostre strade e perfino con le persone accanto a noi. "I don't need one more war/ No, no, no, no/ What so civil 'bout war anyway? ... Non ho bisogno di un'altra guerra civile/ No, no, no/ Cosa ci sarà poi di civile in una guerra?" si chiedono i Guns 'n' Roses: Axl, Slash, Duff, Gilby, Dizzy e Matt. E anch'io ricomincio esattamente da qui:

SOSPIRI A BUON MERCATO
  
non marcerò insieme a voi
né mi unirò
in nessun movimento
dai facili tramonti

a cosa è servito il nostro buon cuore
adesso che il loro sangue
ha smesso perfino di essiccare
l’aria avvelenata?

È tutto così lontano
È tutto così ripetitivo
È tutto così unanime
È tutto così monetariamente logico

Girarsi dall’altra parte
è sempre stato facile...
Girarsi dall’altra parte
è sempre stata la scelta...
Girarsi dall’altra parte
ci ha sempre allungato la vita...

Ero seduto e un attimo dopo
non c’era già più nessuno… pensavo
avreste voluto sapere
ciò di cui non fossi d’accordo… pensavo
avremmo fatto qualcosa di più
del sostenere teorie
che non muteranno mai le lapidi in respiri

Ho sostituito
le mie cicatrici col sangue fresco
di giornata e dopo un ragionevole
lasso di tempo, ho fatto ancora 
lo stesso… e ancora… e ancora...
Ma tu non sai nemmeno
chi sia… Ma io non so nemmeno
chi siate voi… ma noi
non sapremo mai chi fossero
loro
(Venezia, 30 Aprile ’18)


Guns 'n' Roses, Civil War live in Rio '19

Slash (chitarrista) e Axl (cantante) dei Guns 'n' Roses

sabato 31 marzo 2018

L'uomo che scriveva nel mondo

Parole del mondo © Luca Ferrari
Tracce. Memorie. La fine era lì stesa ma lui voleva di più. La fine è sempre stata vicina ma non era così che doveva finire. E desso quel mondo è arrivato a oggi senza quel punto interrogativo.

di Luca Ferrari

Ho sempre scritto la data su ogni poesia scritta, come se fosse una prova per l’esistenza di quel particolare giorno. Come se ciò che era accaduto potesse dargli ancor più valore. I particolari riguardano solo l’autore. I dettagli sono lembi sottratti a qualche arrendevole bandiera. Se ora stai leggendo, ti voglio raccontare che in un momento continuai ad ascoltare The Man Who Sold the World dell'Unplugged dei Nirvana. Avrei voluto fermarmi ma non ci riuscii... Avrei voluto fermarmi ma non ho proseguito e adesso spero, sono sicuro non sia tardi per dire questo.


...E ADESSO SONO ARRIVATO A OGGI   

Posso tornare indietro
e sentire i macabri tumulti 
che mi azzannano
senza carne né domani… avevo pensato
a un'affermazione,
invece fu la notte più corta
della mia vita… Il calendario
non sarebbe d’accordo, il presente
scandirebbe la propria obbiezione …

Forse in questo nuovo momento
darò ancor meno spiegazioni
e userò le scale
anche per la salita… forse
in quel momento
verrò prima da te, e poi
ti giurerò
di correre lungo la medesima pendenza
per starvi ancora più vicino

se avessi davvero voluto
qualcosa di diverso
non sarei qui a sognare
dinnanzi alla mia stessa
vita… forse
non ci avete mai fatto caso
ma in tutti quei giorni
non ci fu mai una volta
in cui mi volli liberare
di ogni graffiante zavorre frastagliata…

i tanti rudimenti, i cerotti,
le stagioni sentenziate… ciò
che non si erge, traduce rigurgiti
stremato… è questa
la fine che avrei fatto? Lasciate
al pallottoliere i faccia a faccia 
con le congetture… lasciate
che la strada prenda le distanze
dal mare… voglio essere sicuro
che quando ci rivedremo, 
non mi stringerai la mano
solo per privarmi dei ricordi nei miei occhi
(Venezia, 31 Marzo ’18)

The Man Who Sold the World, by Nirvana

martedì 20 marzo 2018

Il copyright dei vostri figli

Clip tratta dal video della canzone Do the Evolution (Pearl Jam)
La privacy è morta. I grandi manipolatori fanno ciò che vogliono. Ogni vita è sempre più un diario spalancato di informazioni e fotografie condivise. It's evolution, baby!

di Luca Ferrari

Giorno dopo giorno il popolo riversa in rete spensierato ogni informazione possibili della propria vita, dalle idee politiche alle foto dei figli appena nati (ospedale incluso). Informazioni accessibili a chiunque, la cui proprietà viene regalata senza battere ciglio a mega-aziende verso cui un giorno si abbatteranno le ire puritane. "Spesso dico che per la prima volta nella storia dell’umanità l’educazione la dobbiamo insegnare prima ai genitori che ai figli" ha scritto l'esperto Rudy Bandiera. Ho detto anche troppo? Ho appena cominciato. It's my fuckin' evolution, baby!

IL MARCHIO DELL’EGOISMO 

Vi manipolano… Vi circondano
Vi richiedono... Vi collaborano

Scatta lo scandalo e voi insorgete
Vige il silenzio, e voi condividete

Che cosa ne sarà
di tutta la vostra vita
che avete donato?
Che cosa ne è di quella vita
di cui non avete più diritto?

I vostri figli
hanno già il copyright
di qualche mostro
dal nome piacevolmente persuasivo

Che cosa risponderete
ai vostri figli
quando un giorno vi chiederanno
del perché non possano
più decidere della loro vita?

Che cosa risponderete
ai vostri figli
quando gli dovrete far accettare
che qualcuno può decidere
al posto loro… fate scorte di cibo,
di acqua e ansiolitici

fate scorte di sonniferi,
film horror e documentari
sui mattatoi… deridete pure
chi si mette a pregare,
un giorno non vi resterà altro

il popolo insorge… qualcuno
gli ha detto di rifarlo… stamattina
non ho ancora visto
le vostre idee e i bisogni dei vostri
padri… rimediate quanto prima
(Venezia, 20 Marzo ’18)



Do the Evolution, by Pearl Jam

martedì 13 marzo 2018

Jeremy muore ancora

Clip tratta dal video della canzone Jeremy (Pearl Jam)
Il bullismo è un cancro. Il giovane Michele Ruffino è solo l'ennesima vittima suicida di una strage taciuta. Le parole di Jeremy (Pearl Jam) grondano ancora sangue.

di Luca Ferrari

Ne hanno ucciso un altro e siete tutti colpevoli. Voi, che avete fatto finta di niente. Voi, che avete visto e vi siete girati dall'altra parte. Adesso lui è morto. Michele Ruffino non c'è più. La sua storia è simile a quella di tanti altri. L'esistenza di Michele ha avuto lo stesso atroce epilogo di tanti altri. Nel primo album Ten (1991), i Pearl Jam dedicarono una canzone al sedicenne Jeremy Delle. Un ragazzino bullizzato che pose fine ala sua vita sparandosi in testa in classe. Michele si è gettato da un ponte


LO HANNO UCCISO TUTTI VOI

lo hanno deriso
e poi lo hanno fatto ancora… a casa
andava tutto bene,
il macello era comunque lontano
… l’inferno vive sempre nella casa accanto

vi siete divertiti abbastanza
o potevate fare ancora di meglio?
Davanti all'omertosa codardia del branco
ci sono le persone sole
a cui al massimo deporremo un fiore
“Non voglio corone, volevo essere vivo/
Non voglio le vostre lacrime, volevo avere degli amici
e pensare al mio domani”
….
il cassetto pieno
di ultime lettere
resterà lo scoop per un dolore
ormai già essiccato… intanto
un’altra famiglia
sprofonda nei  propri rimpianti
… un’altra famiglia
ha preso dimora eterna
sul patibolo dello strazio

Dentro la gola
il sangue annega ancora…
Sulle mie braccia
ho i segni della vostra violenza…
Dentro il mio stomaco
i cocci delle lance spintonano mortali
qualsiasi barlume di carezza

lui è morto, e già adesso
state pensando ad altro
… lui è morto
ma questo non ha mai impedito al mondo
di uccidere ancora
(Venezia, 13 Marzo ’18)

Pearl Jam, Jeremy

sabato 10 febbraio 2018

Non ha fatto nulla di buono

"Non c'è nulla di meno patriottico dell'ignobile fascismo" l.f
Lo hanno sottovalutato una volta e tutti (...) sappiamo che cosa è accaduto dopo. L'intera Italia si desti e lo dica a chiare lettere: il fascismo non ha fatto nulla di buono!

di Luca Ferrari

Una deriva fascista sempre più preoccupante si sta allargando a macchia d'olio in Italia. Singoli individui. Associazioni legalizzate. Politica. C'è voluto l'intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, perché finalmente fosse scandito a chiare lettere: il fascismo non ha fatto nulla di buono! Eppure nonostante la Storia, l'ignoranza italiana sta sempre più virando verso una nostalgia inconcepibile e assassina, ormai sicuri che tutti i mali di questa nazione siano imputabili alle Sinistre e all'arrivo degli immigrati.

NON HA FATTO NULLA DI BUONO

mi dicono di prendere il fucile 
invece di essere accogliente
… mi dicono d'infrangere vetrate
con le serrande abbassate
e poi marciare come tanti volatili
verso per la calura più estrema

di piazzale Loreto
si ricorda solo il sangue
mentre le origini oggi
sono slogan buttati qui e là,
tra opinioni nella spazzatura
e proclami del profilo accanto

... e cosa avrà mai fatto 
davvero di male? È stato
trascinato nel gioco
dei grandi… che cosa avrà
fatto mai di così tragico?
... ha dato nomi e cognomi
alla morte
per fare dell'eternità puntata
l'orgoglio nazionalista

e se un giorno il mio migliore amico
crederà che il dolore del nostro tempo
sia tutto da imputare
alle lacrime inghiottite dal mare,
allora sarò pronto ad alzare
bandiera bianca
contro l’amore e mi preparerò 
alla guerra che non voglio… alzerò 
bandiera bianca
all’ennesima guerra
che dovremo presto affrontare

patria e purezza
non sono mai stati parte
della stessa affermazione
di senso compiuto...
ignoro quale sia il mio domani
ma non sarà insieme
a nessuno di voi
(Venezia, 10 Febbraio ’18)


Megadeth, Peace Sells.... but Who's Buying?

Il grande striscione durante la manifestazione di Macerata del 10.02.18 © Melting Pot Europa

Cerca nel blog

Post più popolari