!-- Codice per accettazione cookie - Inizio -->

sabato 31 marzo 2018

L'uomo che scriveva nel mondo

Parole del mondo © Luca Ferrari
Tracce. Memorie. La fine era lì stesa ma lui voleva di più. La fine è sempre stata vicina ma non era così che doveva finire. E desso quel mondo è arrivato a oggi senza quel punto interrogativo.

di Luca Ferrari

Ho sempre scritto la data su ogni poesia scritta, come se fosse una prova per l’esistenza di quel particolare giorno. Come se ciò che era accaduto potesse dargli ancor più valore. I particolari riguardano solo l’autore. I dettagli sono lembi sottratti a qualche arrendevole bandiera. Se ora stai leggendo, ti voglio raccontare che in un momento continuai ad ascoltare The Man Who Sold the World dell'Unplugged dei Nirvana. Avrei voluto fermarmi ma non ci riuscii... Avrei voluto fermarmi ma non ho proseguito e adesso spero, sono sicuro non sia tardi per dire questo.


...E ADESSO SONO ARRIVATO A OGGI   

Posso tornare indietro
e sentire i macabri tumulti 
che mi azzannano
senza carne né domani… avevo pensato
a un'affermazione,
invece fu la notte più corta
della mia vita… Il calendario
non sarebbe d’accordo, il presente
scandirebbe la propria obbiezione …

Forse in questo nuovo momento
darò ancor meno spiegazioni
e userò le scale
anche per la salita… forse
in quel momento
verrò prima da te, e poi
ti giurerò
di correre lungo la medesima pendenza
per starvi ancora più vicino

se avessi davvero voluto
qualcosa di diverso
non sarei qui a sognare
dinnanzi alla mia stessa
vita… forse
non ci avete mai fatto caso
ma in tutti quei giorni
non ci fu mai una volta
in cui mi volli liberare
di ogni graffiante zavorre frastagliata…

i tanti rudimenti, i cerotti,
le stagioni sentenziate… ciò
che non si erge, traduce rigurgiti
stremato… è questa
la fine che avrei fatto? Lasciate
al pallottoliere i faccia a faccia 
con le congetture… lasciate
che la strada prenda le distanze
dal mare… voglio essere sicuro
che quando ci rivedremo, 
non mi stringerai la mano
solo per privarmi dei ricordi nei miei occhi
(Venezia, 31 Marzo ’18)

The Man Who Sold the World, by Nirvana

martedì 20 marzo 2018

Il copyright dei vostri figli

Clip tratta dal video della canzone Do the Evolution (Pearl Jam)
La privacy è morta. I grandi manipolatori fanno ciò che vogliono. Ogni vita è sempre più un diario spalancato di informazioni e fotografie condivise. It's evolution, baby!

di Luca Ferrari

Giorno dopo giorno il popolo riversa in rete spensierato ogni informazione possibili della propria vita, dalle idee politiche alle foto dei figli appena nati (ospedale incluso). Informazioni accessibili a chiunque, la cui proprietà viene regalata senza battere ciglio a mega-aziende verso cui un giorno si abbatteranno le ire puritane. "Spesso dico che per la prima volta nella storia dell’umanità l’educazione la dobbiamo insegnare prima ai genitori che ai figli" ha scritto l'esperto Rudy Bandiera. Ho detto anche troppo? Ho appena cominciato. It's my fuckin' evolution, baby!

IL MARCHIO DELL’EGOISMO 

Vi manipolano… Vi circondano
Vi richiedono... Vi collaborano

Scatta lo scandalo e voi insorgete
Vige il silenzio, e voi condividete

Che cosa ne sarà
di tutta la vostra vita
che avete donato?
Che cosa ne è di quella vita
di cui non avete più diritto?

I vostri figli
hanno già il copyright
di qualche mostro
dal nome piacevolmente persuasivo

Che cosa risponderete
ai vostri figli
quando un giorno vi chiederanno
del perché non possano
più decidere della loro vita?

Che cosa risponderete
ai vostri figli
quando gli dovrete far accettare
che qualcuno può decidere
al posto loro… fate scorte di cibo,
di acqua e ansiolitici

fate scorte di sonniferi,
film horror e documentari
sui mattatoi… deridete pure
chi si mette a pregare,
un giorno non vi resterà altro

il popolo insorge… qualcuno
gli ha detto di rifarlo… stamattina
non ho ancora visto
le vostre idee e i bisogni dei vostri
padri… rimediate quanto prima
(Venezia, 20 Marzo ’18)



Do the Evolution, by Pearl Jam

martedì 13 marzo 2018

Jeremy muore ancora

Clip tratta dal video della canzone Jeremy (Pearl Jam)
Il bullismo è un cancro. Il giovane Michele Ruffino è solo l'ennesima vittima suicida di una strage taciuta. Le parole di Jeremy (Pearl Jam) grondano ancora sangue.

di Luca Ferrari

Ne hanno ucciso un altro e siete tutti colpevoli. Voi, che avete fatto finta di niente. Voi, che avete visto e vi siete girati dall'altra parte. Adesso lui è morto. Michele Ruffino non c'è più. La sua storia è simile a quella di tanti altri. L'esistenza di Michele ha avuto lo stesso atroce epilogo di tanti altri. Nel primo album Ten (1991), i Pearl Jam dedicarono una canzone al sedicenne Jeremy Delle. Un ragazzino bullizzato che pose fine ala sua vita sparandosi in testa in classe. Michele si è gettato da un ponte


LO HANNO UCCISO TUTTI VOI

lo hanno deriso
e poi lo hanno fatto ancora… a casa
andava tutto bene,
il macello era comunque lontano
… l’inferno vive sempre nella casa accanto

vi siete divertiti abbastanza
o potevate fare ancora di meglio?
Davanti all'omertosa codardia del branco
ci sono le persone sole
a cui al massimo deporremo un fiore
“Non voglio corone, volevo essere vivo/
Non voglio le vostre lacrime, volevo avere degli amici
e pensare al mio domani”
….
il cassetto pieno
di ultime lettere
resterà lo scoop per un dolore
ormai già essiccato… intanto
un’altra famiglia
sprofonda nei  propri rimpianti
… un’altra famiglia
ha preso dimora eterna
sul patibolo dello strazio

Dentro la gola
il sangue annega ancora…
Sulle mie braccia
ho i segni della vostra violenza…
Dentro il mio stomaco
i cocci delle lance spintonano mortali
qualsiasi barlume di carezza

lui è morto, e già adesso
state pensando ad altro
… lui è morto
ma questo non ha mai impedito al mondo
di uccidere ancora
(Venezia, 13 Marzo ’18)

Pearl Jam, Jeremy

sabato 10 febbraio 2018

Non ha fatto nulla di buono

"Non c'è nulla di meno patriottico dell'ignobile fascismo" l.f
Lo hanno sottovalutato una volta e tutti (...) sappiamo che cosa è accaduto dopo. L'intera Italia si desti e lo dica a chiare lettere: il fascismo non ha fatto nulla di buono!

di Luca Ferrari

Una deriva fascista sempre più preoccupante si sta allargando a macchia d'olio in Italia. Singoli individui. Associazioni legalizzate. Politica. C'è voluto l'intervento del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, perché finalmente fosse scandito a chiare lettere: il fascismo non ha fatto nulla di buono! Eppure nonostante la Storia, l'ignoranza italiana sta sempre più virando verso una nostalgia inconcepibile e assassina, ormai sicuri che tutti i mali di questa nazione siano imputabili alle Sinistre e all'arrivo degli immigrati.

NON HA FATTO NULLA DI BUONO

mi dicono di prendere il fucile 
invece di essere accogliente
… mi dicono d'infrangere vetrate
con le serrande abbassate
e poi marciare come tanti volatili
verso per la calura più estrema

di piazzale Loreto
si ricorda solo il sangue
mentre le origini oggi
sono slogan buttati qui e là,
tra opinioni nella spazzatura
e proclami del profilo accanto

... e cosa avrà mai fatto 
davvero di male? È stato
trascinato nel gioco
dei grandi… che cosa avrà
fatto mai di così tragico?
... ha dato nomi e cognomi
alla morte
per fare dell'eternità puntata
l'orgoglio nazionalista

e se un giorno il mio migliore amico
crederà che il dolore del nostro tempo
sia tutto da imputare
alle lacrime inghiottite dal mare,
allora sarò pronto ad alzare
bandiera bianca
contro l’amore e mi preparerò 
alla guerra che non voglio… alzerò 
bandiera bianca
all’ennesima guerra
che dovremo presto affrontare

patria e purezza
non sono mai stati parte
della stessa affermazione
di senso compiuto...
ignoro quale sia il mio domani
ma non sarà insieme
a nessuno di voi
(Venezia, 10 Febbraio ’18)


Megadeth, Peace Sells.... but Who's Buying?

Il grande striscione durante la manifestazione di Macerata del 10.02.18 © Melting Pot Europa

martedì 23 gennaio 2018

Heart of Gold sei tu

Innamorati spersi chissà dove...
Per te, in questo giorno meraviglioso ancor di più. Per te, la cui dolce bellezza del tuo cuore è una continua ispirazione per il nostro vivere quotidiano. Per te, Heart of Gold di Neil Young.

di Luca Ferrari

Ci sono parole che hanno bisogno di altre parole, e poi nuovamente parole. Un unico punto di riferimento. Un'unica stella. Ci sono parole che sono facilmente riscontrabili sul vocabolario ma questo sono capaci tutti di farlo. Io mi sto rivolgendo a te e non sto usando solo le parole. Oggi mi rivolgo solo a te, ripensando a tutto quello che siamo noi. Pensando a ciò che dobbiamo ancora vivere. Oggi ti regalo le mie parole. Oggi voglio regalarti la semplicità delle mie parole. Oggi ancora una volta...

SEMPLICEMENTE E INFINITAMENTE TU

È stato un lungo viaggio
e non voglio riposarmi… te 
la senti di condividere con me
ciò che il tuo cuore prova?
… è solo un innocente tranello,
lo fai già ogni giorno… è
solo il mio modo per augurarti
un lungo domani in nostra compagnia

chissà quanto ci vuole
per attraversare tutto il Canada in auto
o per lo meno
gran parte di esso… avrei
tanto voluto farlo,
avrei tanto voluto oltrepassare
l’oceano, poi
sei arrivata tu e adesso
nei miei elenchi sono i più i cieli solcati
delle terre abdicate

ci sono le porte e ci sono le retrovie
ci sono le dediche e ci sono i domani,
c’è tutto il presente e ci sei tu…

che me ne faccio della memoria
quando 
mi posso rivolgere a te… non
ho programmi
da condividere con i burroni,
ma di cogliere
qualche fiore novello
per l’imminente presente,
ecco, questo è ciò che vorrei fare
quando torneremo
a fare gli sberleffi alle nuvole dietro di noi

sono stato di sicuro
più profondo
eppure non arrivavo mai al giorno
dopo… questo invece
è solo un altro meraviglioso giorno insieme a te,
questo invece
è ciò che voglio sempre vivere accanto a te
(Venezia, 23 Gennaio ’18)

Neil Young, Heart of Gold

martedì 16 gennaio 2018

Promises, non ti dimenticherò mai

Dolores O'Riordan nel videoclip della canzone Promises (The Cranberries)
Strade isolate si fanno sentieri condivisi per affrontare la vita una volta per tutte. Non importa chi ci sia davanti, questo è il nostro momento. In memory of Dolores O'Riordan (1971-2018).

di Luca Ferrari

La cantante irlandese Dolores O'Riordan si è spenta all'età di 46 anni. Come milioni di fan in tutto il mondo, i ricordi incastonati nelle canzoni dei The Cranberries sono subito riemersi. Ma più che la riottosa Zombie, la "strappa-cuore" Ode to my Family, la materna Animal Instinct o la condivisa in un epico concerto fiorentino Stars, il mio ricordo più totale va a Promises.

Era la primavera 1999 quando il video sbarcò su MTV. Un anno fatidico quello per la mia esistenza. Un anno in cui mi stavo riappropriando della mia vita grazie all'incontro di tante persone speciali, compagne di classe all'UIA - Università Internazionale dell'Arte. Ora è tempo di aggiornare quella canzone:

LE PAROLE SONO BATTAGLIE

cecchini senza aiuole… latrati
senza lamenti… domani senza intenzioni
… a chi potevano interessare
le lacrime
se ogni ritorno significava
solo un affogare in superficie?

Irrompe il silenzio
per una vita intera… ci sono sogni
e ci sono diademi
avvelenati… c’erano spettri
e li potevo vedere
ancora una volta … c’erano
gli avanzi delle rive impolverate
e la marcia
era solo un collage di rimandabili
involucri

un passo dopo l’altro… un passo
dopo una caduta...
un puzzle dopo il risveglio… alle fughe 
ci eravamo abituati tutti,
non a questo divario… e d’improvviso
i nani da giardino
erano stati tutti sostituiti
da statue senza sangue
e pallottolieri in file ordinate 

il mare si ghiacciò… il sole
aveva cambiato gradini… il cielo
era compatto
e non vi era alcun modo di scansare
la pioggia più solida… non
è finita qua… mi ricordo di te… sono
qua per ricominciare da noi… sono
qua per dirti
a cosa sto andando incontro… sono
qua per farti sapere
che riuscirò ad andare avanti… sono
arrivato fino a qua
e adesso ho intenzione di entrare
(Venezia, 15-16 Gennaio ’18)

Promises, by The Cranberries
Videoclip della canzone Promises (The Cranberries)

domenica 31 dicembre 2017

L'infinito sospeso di E-Bow the Letter

R.E.M. - Videoclip della canzone E-Bow the Letter
Ogni viaggio sopra i cieli ha un aeroporto di partenza. Ogni aeroporto cela sempre un momento per ascoltare E-Bow the Letter (R.E.M. & Patty Smith) e affondare la penna nell'infinito.

di Luca Ferrari

Non c'è viaggio, in particolare in aereo, che almeno una volta non ascolti quella che per me resta un indiscusso capolavoro degli R.E.M. Una canzone, E-Bow the Letter, dall'album New Adventures in Hi-Fi (1996), impreziosita dalla voce della poetessa rock Patty Smith. La band formata da Michael Stipe, Bill Berry, Mike Mills e Peter Buck tocca l'apice della carriera con un album Kerouackiano, e ancor più poetico di Automatic for the People (1992). Non si contano le poesie ispirate dalla suddetta song. Adesso però è tempo di nuova ispirazione. Adesso sono in Calabria, all'aeroporto di Lamezia Terme, ed è nuovamente il momento di ascoltare E-Bow the Letter.

SENZA LA NECESSITÀ DELL’ORIZZONTE

...a quale parte di mondo
pensi di esserti avvicinato?
Sei ancora sicuro
che stiano disturbando il tuo arrivo?

tutte le storie si somigliano
quando non sanno di aver iniziato

mi sento sfinito
e il sole è sempre una tenda
da spostare... sono
un facile debitore
quando si tratta di ripensare
al domani... sono stato lontano
e poco lungimirante... posso
scegliere i finestrini
da cui rifiutarmi di guardare
lo sfascio del mondo
e magari spiegarti davvero
perché adesso abbia voglia
di sorriderti...

argini... staccionate... specchi... non
ho mai voluto niente
da alcuno di voi...

sanzioni... brutalità... fermo immagine... l'origine
delle vostre ali
mi è tutt'ora ignara... non farò di una protesta
il colosso su cui distogliere ogni risentimento

incastri e risposte,
non so più cosa farmene
… il formicolio
delle nostre parole
scambiate per indifferenza
sono diventate
il più confortevole dei giacigli e l’orizzonte
non andrebbe da nessuna parte
senza una prima stesura
delle nostre lacrime più pensierose

…ho ancora l’espressione meravigliata?
Un giorno magari
mi risponderete tutti insieme

(aeroporto di Lamezia Terme, 29 Dicembre ’17)

E-Bow the Letter, REM feat. Patty Smith


R.E.M. - Videoclip della canzone E-Bow the Letter, Patty Smith di spalle

Cerca nel blog

Post più popolari